da vedere

Loading...

giovedì 18 dicembre 2014

SPUMANTI FATTI AL SUD

nella foto FERDINANDUS la falanghina flegrea di Enodelta Di AFRAGOLA (NAPOLI)
Dopo il successo della lista dei panettoni fatti al Sud, formuliamo una nuova lista, questa volta di spumanti, fatti nelle nostre terre.
Quest' anno a Natale non far mancare la tua terra sulla tua tavola!!


ABRUZZO

- MASCIARELLI,  CHIETI
- VINI SANTOLERI,  GUARDIAGRELE (CHIETI)
- PODERE CASTORANI,  ALANNO (PESCARA)
- EREDI LEGONZIANO, LANCIANO (CHIETI)
- CHIARIERI, PIANELLA (PESCARA)
- TERZINI, TOCCO DA CASAURIA (PESCARA)
- FARAONE, GIULIANOVA (TERAMO)
- ILLUMINATI, CONTRAGUERRA (TERAMO)
- MARRAMIERO, ROSCIANO (PESCARA)
- CHIUSA GRANDE, NOCCIANO PESCARA
- MARCHESI DEL CORDANO, LORETO APRUTINO (PESCARA)
- DI SIPIO, RIPA TEATINA (CHIETI)
- VIGNA DI MORE, TIONE DEGLI ABRUZZI (L'AQUILA)
- CHIUSA GRANDE, NOCCIANO (PESCARA)

MOLISE

- DI MAJO NORANTE, CAMPOMARINO (CAMPOBASSO)
- CANTINE VALERIO, SPINETE (ISERNIA)
- CANTINE CIPRESSI, SAN FELICE DEL MOLISE (CAMPOBASSO)

CAMPANIA

ENODELTA,  SEDI AFRAGOLA (NAPOLI) E ACERRA (NAPOLI)
- CANTINA SOCIALE LA GUARDIENSE, GUARDIA SANFRAMONDI (BENEVENTO)
- FATTORIA LA RIVOLTA,  TERRECUSO (BENEVENTO)
- CANTINE DI MARZO,  TUFO (AVELLINO)
DONNA CHIARA, SEDI AVELLINO E MONTEFALCIONE (AVELLINO)
- LA MOLARA SRL,  LUOGOSANO (AVELLINO)
FEUDI DI SAN GREGORIO,  SORBO SERPICO (AVELLINO)
- GROTTA DEL SOLE,  QUARTO (NAPOLI)
- MUSTILLI,  SANT'AGATA DE' GOTI (BENEVENTO)
- ASTRONI,  NAPOLI 
- MASSERIA PARISI, BASELICE (BENEVENTO)
- I VINI DEL CAVALIERE, CAPACCIO PAESTUM (SALERNO)
- LA CASA DELL'ORCO, PRATOLA SERRA (AVELLINO)
- NINFO SERRAPOCHIELLO, PONTE (BENEVENTO)
- I FAVATI, CESINALI (AVELLINO)


PUGLIA

- D'ARAPRI',  SAN SEVERO (FOGGIA)
- MAGISTRAVINI,  GUAGNANO (LECCE)
- RIVERA S.P.A.  ANDRIA (Barletta-Andria-Trani)
- POLVANERA,  GIOIA DEL COLLE (BARI) 
- COLLI DELLA MURGIA, GRAVINA DI PUGLIA (BARI) 
- DUCA D'ASCOLI, CASTELLUCCIO DEI SAURI (FOGGIA)
- BELMANTELLO, CERIGNOLA (FOGGIA)
- ANTICA ENOTRIA, CERIGNOLA (FOGGIA)
- VINARIUS, BARI
- CANTINE ZULLO, SANTERAMO IN COLLE (BARI)
- CANTINA SOCIALE LOCOROTONDO, LOCOROTONDO (BARI)
- CANTINE MIALI, MARTINA FRANCA (TARANTO)
- CANTINE CANTELE SRL, GUAGNANO (LECCE) 
- VINICOLA MEDITERRANEA, SAN PIETRO VERNOTICO (BRINDISI)
- LEONE DE CASTRIS, SALICE SALENTINO (LECCE)
- CANTINE MENHIR SALENTO SRL, MINERVINO DI LECCE (LECCE)
- CASTEL DI SALVE, TRICASE (LECCE) 
- PRODUTTORI DI MANDURIA, MANDURIA (TA)
 

BASILICATA

- CANTINE DEL NOTAIO,  RIONERO IN VULTURE (POTENZA)
- CANTINA DI VENOSA S.C.A R.L, VENOSA (POTENZA)
- TROILO, VENOSA (POTENZA)
- LE CANTINE DEL CASALE SOC. AGR. S.R.L, MELFI (POTENZA)
- D'ANGELO, RIONERO IN VULTURE (POTENZA)
- GIOIA AL NEGRO, LAGONEGRO (POTENZA)
- PATERNOSTER SRL, BARILE (POTENZA)
- VULCANO, LAVELLO (POTENZA)
- CANTINE CERROLONGO, MARINA DI NOVA SIRI (MATERA)
- BASILISCO, BARILE (POTENZA)
- CANTINA SOCIALE SANTERAMO, MATERA
- CANTINE DI PALMA, RIONERO IN VULTURE (POTENZA)
- MASSERIA CARDILLO, BERNALDA (MATERA)


CALABRIA

- LIBRANDI, CIRO' MARINA (CROTONE)
- IGRECO, CARIATI (COSENZA)
- SERRACAVALLO, BISIGNANO (COSENZA)
- CANTINE STATTI, LAMEZIA TERME (CATANZARO)
- SANTA VENERE, CIRO' (CROTONE)
- TENUTE FERROCINTO, CASTROVILLARI (COSENZA)
- VERBICARO VINI, VERBICARO (COSENZA)
- CANTINE LENTO, LAMEZIA TERME (CATANZARO)
- CANTINE LAVORATA SRL, ROCCELLA JONICA (REGGIO CALABRIA)
- CANTINE CRISERA', CATONA (REGGIO CALABRIA)
- VINI BATTAGLIA SRL, REGGIO CALABRIA
- CANTINE CAMPOVERDE, CASTROVILLARI (COSENZA)

SICILIA

- PRINCIPE DI CORLEONE – POLLARA –  S.A.S.,  MONREALE (PALERMO)
- CANTINE SETTESOLI S.C.A.  MENFI (AGRIGENTO)  
- MURGO,  SANTA VENERINA (CATANIA) 
- MARCO DE BARTOLI, SEDI MARSALA (TRAPANI) E PANTELLERIA  (TRAPANI)
- TASCA D'ALMERITA, SEDI: PALERMO, SCALFANI BAGNI (PALERMO), SALINA ISOLE EOLIE (MESSINA), MARSALA (TRAPANI), CAMPOREALE (PALERMO) E RANDAZZO (CATANIA)
- CANTINE GRASSO, MILAZZO (MESSINA)
- GULFI, CHIAROMONTE GULFI (RAGUSA)
- MARIO CASTRO VINI, ACI CATENA (CATANIA)
- FEUDO RUDINI, PACHINO (SIRACUSA)
- CANTINE FORACI, MAZZARA DEL VALLO (TRAPANI)
- DONNAFUGATA, MARSALA (TRAPANI)
- MILAZZO - FEDERICO II REX SICILIE, CAMPOBELLO DI LICATA (AGRIGENTO)
- CANTINE FAZIO, ERICE (TRAPANI)

mercoledì 17 dicembre 2014

NOTIZIE E CURIOSITA' MERIDIANE

Nasce la rubrica: "Notizie e curiosità meridiane", in collaborazione con la piattaforma I-SUD, cercheremo di raccogliere notizie, curiosità e tutto ciò che provenga dalle nostre terre.
A curare la rubrica saranno due "storiche" admin di Briganti. Buona lettura



a cura di Francesca Di Pascale


Elenco articoli

(clicca sul titolo per leggere gli articoli)

- Il Canto a Figliola, antenato del freestyle hip hop!

- La minestra maritata, un piatto antico!

- Tammorre, Triccheballacche, Scetavajasse, Nacchere e Putipù!

- Rituali e Tradizioni di fine anno dal mondo

- L' 'urdemo 'e ll'anno

- Luisa Conte, capocomico!

- Pitagora ed il suo grande amore per la città di Crotone

- La Calabria patria di grandi scacchisti!

- 'O rraù ca me piace a me m' 'o ffaceva sulo mammà!!!

- Perché Santo Stefano è “rosso di calendario”?

- Tutt' ‘o ssupierchio è na supirchiaria. Buon Natale!

- "… per la Vigilia de lo Santo Natale ce vonne Vermicielli co la mollica de pane e vongolelle...." La cena della vigilia di Natale, a Napoli!

GRANO TIMILIA, UN ANTICO SICILIANO!

- I Monti Iblei, dove lo scontro tra la Placca Africana e quella Europea imperversa da milioni di anni

- Mostro...il Diavolo……sul presepe!

- Il Cirneco dell'Etna, un vero siciliano!

- Tommie Smith e John Carlos, simboli di tutte le battaglie di liberazione, emancipazione e autodeterminazione

- La Casa dei Conigli, da Nola agli studi di Rai YoYo per incantare tutti i bambini



- Notte d'arte 2014, notte di cultura, amore e bellezza a Napoli 

___________________________________________________

a cura di Daniela Alemanno



Elenco articoli

 (clicca sul titolo per leggere gli articoli)

 
- Il Bisso tarantino, quando il mare vestiva con la sua seta

- Bruno Sammartino da Pizzoferrato, The Living Legend

- Quando l' Epifania è la Pasquetta ...

- «Con le idee e il coraggio di Peppino noi continuiamo»

- Attenzione! Arrivano i Cucibocca!

- Elvira Notari. Quando il cinema era Donna

- Putignano, la Festa delle Propaggini e il Carnevale più lungo del mondo!

- Torna la grande magia del Presepe Vivente di Matera

- In Molise si augura "Buon Anno" cantando

- 'A Madonneja di Pizzo Calabro, tra leggenda e religiosità

- La Festa degli Innocenti, usanze dimenticate del Sud

- Il Carretto Siciliano: una vera e propria opera d' arte!

- Taranto. La casa natia di Paisiello va in fiamme

- Problemi con lo studio? Da Potenza arrivano i Cervellotik!

- Il fuoco danza! La caratteristica sfilata delle Panare di Spongano

- “Quelle ‘Ndocce fiammeggianti che rischiarano la gelida notte della vigilia..."

- Con la tradizionale Squilla, a Lanciano è già Natale!

- Il Ciolo, ovvero il Canyon del Salento

- Nasce beNac, l' app dei No Al Carbone di Brindisi

- Lo scempio di Porto Miggiano, in provincia di Lecce

- I confetti Mucci compiono 120 anni. Ad Andria la storia ha il profumo dello zucchero

- La Basilicata allunga la lista dei Borghi più belli d' Italia. E' la volta di Viggianello

- I TRABUCCHI DEL GARGANO DIVENTANO PATRIMONIO STORICO

- RICORDANDO TITO SCHIPA

- SALVIAMO IL MARE E IL FUTURO DI QUESTA TERRA

- TAP, il presidente dell'Ordine degli ingegneri della provincia di Lecce dice NO
 

venerdì 28 novembre 2014

PANETTONI FATTI AL SUD!!

Briganti, abbiamo stilato una prima lista di aziende e pasticcerie che producono panettoni industriali o artigianali. Ovviamente non c'è possibilità di confronto con i dolci tipici della nostra tradizione soprattutto se fatti in casa o da artigiani e maestri pasticceri. Noi vi invitiamo sempre a comprare i prodotti locali, pastiere, struffoli, pignolata, purciddhruzzi, cartellate, roccocò, mustaccioli, cassate, chinulije, panesillo, parrozzo, buccellato, paste di mandorla e altro ancora! Oppure, vi invitiamo ad optare per i panettoni e pandori artigianali o semiartigianali. Ciò non toglie che anche la grande distribuzione può venirci in aiuto. Ecco alcune delle nostre marche suddivise per regione:NB:   l'elenco è in continuo aggiornamento, se vuoi segnalare aziende della tua città scrivi ai ragazzi di https://www.facebook.com/PRODOTTICONSEDELEGALEESTABILIMENTOALSUD?fref=ts



Nella foto: Fiasconaro S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO Castelbuono (PALERMO)

ABRUZZO

  • PAN DELL'ORSO DI GINO DI MASSO & C. S.N.C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO SCANNO (L'AQUILA)
  • RUSTICHELLA D’ABBRUZZO S.P.A. SEDE LEGALE PIANELLA (PESCARA) E STABILMENTO MOSCUFO (PESCARA)
  • ESPERIDIA, SEDE E STABILIMENTO LANCIANO (CHIETI)


MOLISE

  • VALENTINO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO PETTORANELLO DEL MOLISE (ISERNIA)
  • MELILLO SEDE LEGALE E STABILIMENTO TERMOLI (CB) 
  • LUPACCHIOLI SRL SEDE LEGALE E STABILIMENTO RIPALIMOSANI (CB)


CAMPANIA

  • MARIGLIANO PASQUALE SEDE LEGALE E STABILIMENTO OTTAVIANO (NAPOLI) 
  • GELATERIA PALETTA D'ORO DI PASCA PASQUALE SEDE LEGALE E STABILIMENTO SANTA MARIA CAPUA VETERE (CASERTA)
  • PASTICCERIA ARTIGIANALE MORZILLO 965  SEDE LEGALE E STABILIMENTO CASORIA (NAPOLI)
  • PASTICCERIA PIETRO MACELLARO DI MACELLARO PIETRO SEDE LEGALE E STABILIMENTO PIAGGINE (SALERNO)
  • NAPOLITANO VINCENZO DI ANGELO E GIOVANNI NAPOLITANO S.N.C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO NAPOLI
  • IL GIARDINO DI GINEVRA DI ANNA CHIAVAZZO SEDE LEGALE E STABILIMENTO CASAPULLA (CASERTA)
  • PASTICCERIA FESTIVAL SEDE LEGALE E STABILIMENTO GIFFONI VALLE PIANA (SALERNO)
  • EREDI VINCENZO BELLAVIA S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO NAPOLI
  • SAL DE RISO COSTA D'AMALFI S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO TRAMONTI (SALERNO)
  • PASTICCERIA VOLPE GENNARO SEDE LEGALE E STABILIMENTO NAPOLI
  • DOLCIARTE S.A.S. DI CARMEN VECCHIONE SEDE LEGALE E STABILIMENTO AVELLINO
  • PANTORRONE GAROFALO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO PIETRADEFUSI (AVELLINO)
  • SPAGNUOLO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO NAPOLI
  • D’AURIA LE DELIZIE DEL MATTINO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO NAPOLI
  • AVELLANA S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO VILLA LITERNO (CASERTA)
  • PEPE MASTRO DOLCIERE S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO SANT’EGIDIO DEL MONTE ALBINO (SALERNO)
  • DOLCIARIA BORRILLO S.N.C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO SANO MARCO DEI CAVOTI (BENEVENTO)
  • ABBATE SNC DI ABBATE MARIA SOPRANA E C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI)


BASILICATA
  • FALCONE S.A.S. DI FALCONE ALESSANDRO & C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO TRECCHINA (POTENZA)
  • PANIFICIO BISCOTTIFICIO TIRI SEDE LEGALE E STABILIMENTO ACERENZA (POTENZA)

PUGLIA
  • ALDA DI PROVENZANO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO TUGLIE (LECCE)
  • PASTICCERIA CASOLI LUCIA SEDE LEGALE E STABILIMENTO TROIA (FOGGIA)
  • FORNO SAMMARCO, SEDE LEGALE E STABILIMENTO SAN MARCO IN LAMIS (FOGGIA)
  • NERETUM DOLCE & SALATO SEDE LEGALE E STABILIMENTO NARDO' (LECCE)

 CALABRIA

  • GELATERIA ARTIGIANALE PENNA DOMENICO SEDE LEGALE E STABILIMENTO PIZZO (VIBO VALENTIA)
  • TAVERNA FRANCESCO S.N.C. DI FRANCESCO TAVERNA & C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO TAURIANOVA (REGGIO CALABRIA) 
  • FIORINDO 1909 S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA)
  • OLEARIA SAN GIORGIO-FRATELLI FAZARI DI VINCENZO FAZARI & C. SNC SEDE LEGALE E STABILIMENTO SAN GIORGIO MORGETO (REGGIO CALABRIA)
  • LA SPINA SANTA S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO BOVA MARINA (REGGIO CALABRIA) 
  • CALLIPO GELATERIA S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO PIZZO (VIBO VALENTIA)
  • PASTICCERIA ARONNE SEDE LEGALE E STABILIMENTO MARCELLINA (FRAZIONE DI SANTA MARIA DEL CEDRO) COSENZA 
  • DITTA COLAVOLPE SEDE LEGALE E STABILIMENTO BELMONTE CALABRO (COSENZA)
  • GELATERIA ENRICO SEDE LEGALE E STABILIMENTO PIZZO (VIBO VALENTIA)
  • PANIFICIO LIMONE SEDE LEGALE E STABILIMENTO GERACE (REGGIO CALABRIA)


SICILIA
  • OFFICINE DOLCIARIE BRONTESI S.R.L. SEDE LEGALE BRONTE (CATANIA), STABILIMENTO PATERNO' (CATANIA)
  • INDUSTRIA DOLCIARIA SOLARINO SEDE LEGALE E STABILIMENTO MODICA (RAGUSA)
  • BACCO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO BRONTE (CATANIA)
  • FIASCONARO S.R.L. SEDE LEGALE E STABILIMENTO CASTELBUONO (PALERMO)
  • PASTICCERIA DI SUA MAESTA DI PITTERA FILADELFIO SEDE LEGALE E STABILIMENTO NICOSIA (ENNA)
  • I DOLCI SAPORI DELL'ETNA DI MELI ROSARIA & C. S.A.S. SEDE LEGALE E STABILIMENTO BRONTE (CATANIA)
  • PASTICCERIA PETRELLA S.N.C. DI PETRELLA NATALA & C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO MESSINA
  • PASTICCERIA GIULIO FRANCO SEDE LEGALE E STABILIMENTO CAPO D'ORLANDO (MESSINA)
  • DAIS S.P.A. SEDE LEGALE E STABILIMENTO BELPASSO (CATANIA)
  • ELLEMME S.N.C. DI LONGHITANO VINCENZO & C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO BRONTE (CATANIA)
  • BON CATERING DI BONFISSUTO VINCENZO CRISTIAN & C. S.A.S. SEDE LEGALE E STABILIMENTO CANICATTI' (AGRIGENTO)
  • EVERGREEN DI BONACCORSO PIETRO SEDE LEGALE E STABILIMENTO BRONTE (CATANIA)
  • INDUSTRIA DOLCIARIA BELPASSO S.P.A. SEDE LEGALE E STABILIMENTO BELPASSO (CATANIA)
  • PANIFICIO BACCIO SEDE LEGALE E STABILIMENTO AVOLA (SIRACUSA)
  • PASTICCERIA DI STEFANO SEDE LEGALE E STABILIMENTO RAFFADALI (AGRIGENTO)
  • EXCELSIOR S.N.C.  SEDE LEGALE E STABILIMENTO RAFFADALI (AGRIGENTO)
  • LE CUSPIDI S.N.C. SEDE LEGALE E STABILIMENTO RAFFADALI (AGRIGENTO)  

domenica 16 novembre 2014

Enrico Mattei: "il Nord Italia ha colonizzato il Meridione"




Abbiamo "scovato" un discorso di Enrico Mattei fatto a Tunisi negli anni '60.

Ricordiamo ancora a tutti che Enrico Mattei saltò in aria con il suo aereo il 27 ottobre del 1962, poche ore prima tenne un discorso memorabile a Gagliano Castelferrato (Enna), dove disse ai siciliani che il petrolio trovato nelle loro terre gli avrebbe portato benessere e avrebbe fatto in modo che la gente non emigrasse più e che, anzi, sarebbero ritornati gli emigrati.

Il nuovo discorso che abbiamo trovato, parla esplicitamente di un Meridione colonizzato a livello economico dal Nord Italia.
«Ho lottato contro l’idea fissa che esisteva nel mio Paese: che l’Italia fosse condannata ad essere povera per mancanza di materie prime e di fonti energetiche. Queste fonti energetiche le ho individuate e le ho messe in valore e ne ho tratto delle materie prime. Ma, prima di far tutto questo, ho dovuto fare anch’io della decolonizzazione perché molti settori dell’economia italiana erano colonizzati anzi, direi, che la stessa Italia meridionale era stata colonizzata dal Nord d’Italia!».
Enrico Mattei - Discorso a Tunisi, 10 giugno 1960


venerdì 14 novembre 2014

Elenco vittime di Mafia, i nostri martiri-eroi

"loro" dicono che al Sud non ci ribelliamo alla mafia... ma sono 153 anni che lo facciamo!! Riportiamo, in questo articolo, l'elenco delle centinaia e centinaia di uomini e donne uccise dalla bestia mafiosa, sono tutti (tranne alcuni che ci onoriamo di ricordare in questo elenco) cosiddetti "meridionali"..un elenco da leggere con commozione e in silenzio ma allo stesso tempo un elenco che ci riempie di orgoglio e voglia di continuare a COMBATTERE!
P.S. da notare la data della prima vittima di mafia 1862!!!!!!



1800
Antonio Polimeni e Giorgio Fallara 8 ottobre 1862
Giovanni Corrao 3 agosto 1863
Mario Pancari 12 marzo 1871
Francesco Gebbia 10 ottobre 1892
Emanuele Notarbartolo 1 febbraio 1893
Emanuela Sansone 27 dicembre1896
Antonino D'Alba 1897
Vincenzo Lo Porto e Giuseppe Caruso 24 ottobre 1897

1900
Luciano Nicoletti 14 ottobre 1905
Andrea Orlando 13 gennaio 1906
Giuseppe (Joe) Petrosino 12 marzo 1909
Pietro Vasta 5 agosto 1909
Lorenzo Panepinto 16 maggio 1911
Mariano Barbato e Giorgio Pecoraro 1914
Bernardino Verro 3 novembre 1915
Giorgio Gennaro 1916
Giovanni Zangara 29 gennaio 1919
Costantino Stella 6 luglio 1919
Giuseppe Rumore 22 settembre 1919
Alfonso Canzio 19 dicembre 1919
Nicola Alongi 29 febbraio 1920
Paolo Li Puma e Croce Di Gangi settembre 1920
Paolo Mirmina 3 ottobre 1920
Antonino Scuderi 9 ottobre 1920
Giovanni Orcel 14 ottobre 1920
Giuseppe Monticciolo 27 ottobre 1920
Stefano Caronia 17 novembre 1920
Giuseppe Zaffuto morto il 26 dicembre 1920
Gaetano Circo 4 febbraio 1921
Calogero Faldetta 31 dicembre 1920
Carmelo Minardi 26 dicembre 1920
Salvatore Varsalona 27 dicembre 1920
Pietro Ponzo 19 febbraio 1921
Vito Stassi 1921
Giuseppe Cassarà e Vito Cassarà 1921
Giuseppe Compagna 29 gennaio 1921
Domenico Spatola, Mario Spatola, Pietro Spatola e Paolo Spatola febbraio 1922
Sebastiano Bonfiglio 11 giugno 1922
Antonino Ciolino 1924
Antonio Mancino 2 settembre 1943
Santi Milisenna 27 maggio 1944
Andrea Raia 6 agosto 1944
Calogero Comajanni 28 marzo 1945
Filippo Scimone 1945
Calcedonio Catalano 18 agosto 1945
Nunzio Passafiume 7 giugno 1945
Agostino D'Alessandro 11 settembre 1945
Calogero Cicero e Fedele De Francisca 14 settembre 1945
Michele Di Miceli, Mario Paoletti e Rosario Pagano 1945
Giuseppe Scalia 25 novembre 1945
Giuseppe Puntarello 4 dicembre 1945
Gaetano Guarino e Tommasa Perricone 16 maggio 1946
Pino Camilleri 28 giugno 1946
Nicolò Azoti 23 dicembre 1946
Accursio Miraglia 4 gennaio 1947
Strage di Portella della Ginestra: 11 morti. Dell'eccidio venne accusato il bandito Salvatore Giuliano ma in realtà i mandanti erano alti esponenti della Democrazia Cristiana e i grandi mafiosi latifondisti 1º maggio 1947
Giuseppe Casarrubea e Vincenzo Lo Iacono 22 giugno 1947
Strage di Canicattì 21 dicembre 1947
Epifanio Li Puma 2 marzo 1948
Placido Rizzotto 10 marzo 1948)
Calogero Cangelosi 2 aprile 1948
Giuseppe Biondo 22 ottobre 1948
Salvatore Carnevale 16 maggio 1955
Giuseppe Spagnolo 13 agosto 1955
Pasquale Almerico 25 marzo 1957
Cataldo Tandoy 30 marzo 1960
Cosimo Cristina 5 maggio 1960
Paolo Bongiorno 27 settembre 1960
Maria e Natalina Stillitano 27 dicembre 1962
Mario Malausa, Silvio Corrao, Calogero Vaccaro, Eugenio Altomare, Mario Farbelli, Pasquale Nuccio e Giorgio Ciacci 30 giugno 1963
Carmelo Battaglia 24 marzo 1966
Carmelo Siciliano 23 giugno 1967
Giuseppe Piani 29 dicembre 1967
Mauro De Mauro 16 settembre 1970
Vincenzo Scuteri 4 aprile 1971
Pietro Scaglione e Antonino Lo Russo 5 maggio 1971
Giovanni Spampinato 27 ottobre 1972
Giovanni Ventra 27 dicembre 1972
Giuseppe Bruno 11 settembre 1974
Michele e Domenico Facchineri 13 aprile 1975
Gaetano Cappiello 2 luglio 1975
Francesco Ferlaino 3 luglio 1975
Francesco Vinci 10 dicembre 1976
Rocco Gatto 12 marzo 1977
Vincenzo Caruso e Stefano Condello 1 aprile 1977
Donald Mackay 15 luglio 1977
Giuseppe Russo 20 agosto 1977
Peppino Impastato 9 maggio 1978
Antonio Esposito Ferraioli 30 agosto 1978
Salvatore Castelbuono 26 settembre 1978
Carmelo Di Giorgio e Primo Perdoncini 1 gennaio 1979
Carmelo Di Giorgio 5 gennaio 1979
Filadelfio Aparo 11 gennaio 1979
Mario Francese 26 gennaio 1979
Michele Reina 9 marzo 1979
Carmine Pecorelli 20 marzo 1979
Giorgio Ambrosoli 12 luglio 1979
Boris Giuliano 21 luglio 1979
Orlando Legname 31 luglio 1979
Calogero Di Bona 28 agosto 1979
Cesare Terranova e Lenin Mancuso 25 settembre 1979
Piersanti Mattarella 6 gennaio 1980
Emanuele Basile 4 maggio 1980
Giuseppe Valarioti 11 giugno 1980
Giovanni Losardo 21 giugno 1980
Gaetano Costa 6 agosto 1980
Vito Lipari 13 agosto 1980
Ciro Rossetti 11 ottobre 1980
Domenico Beneventano 7 novembre 1980
Marcello Torre 11 dicembre 1980
Filomena Morlando 17 dicembre 1980
Mariano Mellone 12 marzo 1981
Giuseppe Grimaldi 27 marzo 1981
Giuseppe Salvia 14 aprile 1981
Giuseppe Inzerillo 12 giugno 1981
Vito Jevolella 10 ottobre 1981
Lucio Ferrami 27 ottobre 1981
Sebastiano Bosio 6 novembre 1981
Francesco Borrelli e Salvatore Dragone 13 gennaio del 1982
Alfredo Agosta 18 marzo 1982
Luigi Gravina 25 marzo 1982
Pio La Torre e Rosario Di Salvo 30 aprile 1982
Gennaro Musella 3 maggio 1982
Simonetta Lamberti 29 maggio 1982
Salvatore Raiti, Silvano Franzolin, Luigi Di Barca e Giuseppe Di Lavore 6 giugno 1982
Antonino Burrafato 29 giugno 1982
Salvatore Nuvoletta 2 luglio 1982
Antonio Ammaturo 15 luglio 1982
Paolo Giaccone 11 agosto 1982
Carlo Alberto Dalla Chiesa, Emanuela Setti Carraro e Domenico Russo 3 settembre 1982
Benedetto Buscetta e Antonio Buscetta 11 settembre 1982
Elio Di Mella 7 ottobre 1982
Calogero Zucchetto 14 novembre 1982
Francesco Panzera 10 dicembre 1982
Giuseppe Genova e Orazio D'Amico 26 dicembre 1982
Vincenzo Buscetta 29 dicembre 1982
Cipriano Licenza 1983
Giangiacomo Ciaccio Montalto 26 gennaio 1983
Mario D'Aleo, Pietro Morici e Giuseppe Bommarito 13 giugno 1983
Bruno Caccia 26 giugno 1983
Rocco Chinnici, Mario Trapassi, Salvatore Bartolotta e Stefano Li Sacchi 29 luglio 1983
Salvatore Zangara 8 ottobre 1983
Franco Imposimato 11 ottobre 1983
Giuseppe Fava 5 gennaio 1984
Mario Coniglio 14 novembre 1984
Carmine Tripodi 6 febbraio del 1985
Roberto Parisi 23 febbraio 1985
Piero Patti 28 febbraio 1985
Sergio Cosmai 13 marzo 1985
Barbara Rizzo, Giuseppe e Salvatore Asta 2 aprile 1985
Antonino Vicari il 4 maggio 1985
Giuseppe Spada 14 giugno 1985
Giuseppe Montana 28 luglio 1985
Ninni Cassarà e Roberto Antiochia 6 agosto 1985
Giancarlo Siani 23 settembre 1985
Graziella Campagna 12 dicembre 1985
Filippo Salsone il 7 febbraio 1986
Claudio Domino 7 ottobre 1986
Mario Ferrillo 5 novembre 1986
Rosa Visone e Luigi D'Alessio 8 novembre 1986
Gennaro Galano 12 novembre 1986
Rosario Iozia 10 aprile 1987
Giovanni Mileto 7 novembre 1987
Giuseppe Insalaco 12 gennaio 1988
Natale Mondo 14 gennaio 1988
Pietro Ragno 10 luglio 1988
Antonio Raffaele Talarico 2 settembre 1988
Abed Manyami 9 settembre 1988
Alberto Giacomelli 14 settembre 1988
Antonino e Stefano Saetta 25 settembre 1988
Mauro Rostagno 26 settembre 1988
Girolamo Marino 23 ottobre 1988
Francesco Ventura 3 novembre del 1989
Pietro Polara 27 febbraio 1989
Antonino Agostino e Ida Castelluccio 5 agosto 1989
Giovanni Trecroci 7 febbraio 1990
Emanuele Piazza 16 marzo 1990
Giuseppe Miano 18 marzo 1990
Nicola Gioitta 21 marzo 1990
Giovanni Bonsignore 9 maggio 1990
Nunzio Pandolfi 18 maggio 1990
Nicodemo Panetta 13 giugno 1990
Tobia Andreozzi 30 agosto 1990
Versaci Angelo 3 settembre 1990
Rosario Livatino 21 settembre 1990
Antonio Mannarino 25 ottobre 1990
Giovanni Salamone 12 gennaio 1991
Nicolò Di Marco 21 febbraio 1991
Sergio Compagnini 5 marzo 1991
Tramonte Francesco e Cristiano Pasquale 24 maggio 1991
Antonio Cordopatri 10 luglio 1991
Fabio De Pandi e Angelo Riccardo 21 luglio 1991
Alberto Varone, 24 luglio 1991
Antonino Scopelliti 9 agosto 1991
Libero Grassi 29 agosto 1991
Paolo Arena 27 settembre 1991
Serafino Ogliastro 12 ottobre 1991
Nunziante Scibelli (30 ottobre 1991
Salvatore Aversa e Lucia Precenzano 4 gennaio 1992
Salvatore Colletta e Mariano Farina 31 marzo 1992
Giuliano Guazzelli 14 aprile 1992
Paolo Borsellino 21 aprile 1992 imprenditore ed omonimo del giudice Paolo Borsellino.
Giovanni Falcone, Francesca Morvillo Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani 23 maggio 1992
Vincenzo Napolitano 23 maggio 1992
Paolo Borsellino, Emanuela Loi, Walter Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina e Agostino Catalano  19 luglio 1992
Rita Atria 27 luglio 1992
Giovanni Lizzio 27 luglio 1992
Paolo Ficalora 28 settembre 1992
Gaetano Giordano 10 dicembre 1992
Giuseppe Borsellino 17 dicembre 1992
Beppe Alfano 8 gennaio 1993
Giuseppe Marino 16 aprile 1993
Strage di via dei Georgofili a Firenze 27 maggio 1993
Adolfo Cartisano 22 luglio 1993
Pino Puglisi 15 settembre 1993
Giuseppe Russo 15 gennaio 1994
Cosimo Fabio Mazzola marzo 1994
Giuseppe Diana 19 marzo 1994
Liliana Caruso e Agata Zucchero 10 luglio 1994
Calogero Panepinto 19 settembre 1994
Palma Scamardella 12 dicembre 1994
Domenico Buscetta 6 marzo 1995
Carmela Minniti 1º settembre 1995
Pierantonio Sandri 3 settembre 1995
Gioacchino Costanzo 15 ottobre 1995
Serafino Famà 9 novembre 1995
Giuseppe Montalto 23 dicembre 1995
Giuseppe Di Matteo 11 gennaio 1996
Antonio Barbera 7 settembre 1996
Antonino Polifroni 30 settembre 1996
Romano Luigi 15 ottobre 1996
Raffaele Pastore 23 novembre 1996
Giuseppe La Franca 4 gennaio 1997
Giulio Giuseppe Castellino 25 febbraio 1997
Silvia Ruotolo 11 giugno 1997
Gaspare Stellino 12 settembre 1997
Matteo Bottari 15 gennaio 1998
Giovanni Gargiulo 18 febbraio 1998
Mariangela Ansalone e Giuseppe Bicchieri 8 maggio 1998
Alberto Vallefuoco, Salvatore De Falco e Rosario Flaminio 20 luglio
1998
Luigi Ioculano 25 settembre 1998
Domenico Geraci 8 ottobre 1998
Giuseppe Montalbano 18 novembre 1998
Stefano Pompeo 22 aprile 1999
Filippo Basile 5 luglio 1999
Sultano Salvatore Antonio 21 luglio 1999
Antonio Musolino 31 ottobre 1999
Vincenzo Vaccaro Notte 3 novembre 1999

2000
Salvatore Vaccaro Notte 5 febbraio 2000
Luigi Sequino e Paolo Castaldi 10 agosto 2000
Valentina Terracciano 12 novembre 2000
Torquato Ciriaco 1 marzo 2002
Federico Del Prete 18 febbraio 2002
Gelsomina Verde 21 novembre 2004 
Antonio Landieri 6 novembre 2004
Dario Scherillo 6 dicembre 2004
Francesco Rossi 28 dicembre 2004
Carmela Attrice 15 gennaio 2005
Attilio Romanò 24 gennaio 2005
Nunzio Giuliano 21 marzo 2005
Enrico Amelio 10 ottobre 2006
Ciro Galotta 29 giugno 2007
Domenico Noviello 20 maggio 2008
Raffaele Granata, ucciso l'11 luglio 2008
Strage di Castelvolturno (18 settembre 2008)
Nicola Nappo, 9 luglio 2009
Attilio Manca 12 febbraio 2004
Annalisa Durante 27 marzo 2004
Massimiliano Carbone 17 settembre 2004
Daniele Polimeni 30 marzo 2005
Gianluca Congiusta 24 maggio 2005
Francesco Fortugno 16 ottobre 2005
Giuseppe D'Angelo 22 agosto 2006
Antonio Longo 26 marzo 2008
Fazio Cirolla 27 luglio 2009
Domenico Gabriele 25 giugno 2009
Lea Garofalo 24 novembre 2009
Angelo Vassallo 5 settembre 2010
Vincenzo Liguori 13 gennaio 2011
Pasquale Romano 15 ottobre 2012
Filippo Ceravolo 25 ottobre 2012
Nicola Campolongo (il piccolo Cocò) 19 gennaio 2014
Vincenzo Ferrante 26 febbraio 2014

martedì 28 ottobre 2014

La Mela Annurca


Foto tratta da La Festa della Mela Annurca 2011

La Melannurca Campana o Mela Annurca è un frutto tipico campano.
Presenta due varietà:
“La Caporale” rossa con puntini bianchi, ha una polpa dolce e più morbida
“La Sergente” di un colore tra il giallo ed il verde, ha una buccia striata e la polpa dal sapore più acerbo e duro.

La sua storia è molto antica, alcune fonti riportano la prima coltivazione circa 2000 anni fa e ne sono testimonianza i numerosi dipinti, che le ritraggono, trovati nelle ville romane di Ercolano e Pompei.
Altre fonti letterarie, invece, tra tutte il
Naturalis Historiadi Plinio il Vecchio, riportano il luogo di origine di questo prelibato frutto nella zona di Pozzuoli con il nome di “mala orcula”.
Le origini del nome però sono ancora avvolte nel mistero, se da un lato Plinio le collega al Lago d’Averno chiamato “orco” e da qui “orcula”, da un altro l’etimologia del nome viene fatta derivare dal latino "indulcàre" riferito soprattutto alla modalità con cui vengono portate a maturazione.
Il nome però è stato modificato durante il corso dei secoli trasformandolo in “orbiculà” e “orcole” nel 1500 per mano dello scrittore Giovan Battista Della Porta. Poi dal ‘600 fino all’800 ci sono numerose testimonianze letterarie che riportano il nome di "anòrcola" e "annòrcola" fino a giungere all’attuale nome coniato nel 1876 da Giuseppe Antonio Pasquale nel suo “Manuale di Arboricoltura” in cui viene denominata “annùrca”.

Dopo questa breve ma doverosa introduzione sull’origine del nome, vediamo cosa rende uniche queste mele.
La loro unicità infatti sta nel metodo antichissimo e tuttora utilizzato per portarle a maturazione,
le mele vengono raccolte ancora acerbe, e posizionate per terra su teli o telai idonei, detti “melai” formati da paglia incrociata,  per la fase di "arrossamento" e quindi di maturazione, questi melai vengono posizionati sotto il sole per un massimo di 15 giorni.
Oggi la loro coltivazione non è più relegata alle zone flegrea e vesuviana ma è diffusa in quasi tutta la Campania.


Il Brigante Lucano



lunedì 30 giugno 2014

Il gesto delle corna: antico, moderno e rock

Comunissimo, nella nostra millenaria cultura, è il gesto delle corna.
Esso consiste nel sollevare verso il cielo l’indice ed il mignolo.
Questo gesto è apotropaico poiché, nel suo significato più comune, ha come scopo quello di esorcizzare, scongiurare o allontanare il malocchio e la malasorte.
Il primo a presentare uno studio sociologico su questo gesto fu Andrea de Jorio, un archeologo ed etnologo originario di Procida che, nel 1832, ha messo in luce le similitudini della gestualità tra gli antichi ed i napoletani, descrivendo anche i diversi modi di fare le corna.
Il gesto delle corna è comunemente usato anche per dare conto di un reale o presunto tradimento. Il coniuge tradito è cornuto. Questo significato riconduce, in modo immediato, alla storia del Minotauro, l’ibrido mezzo uomo e mezzo toro, concepito a seguito dell’infedeltà della regina di Creta Pasifae che innamoratasi del Toro di Creta, tradì Minosse rendendolo appunto cornuto.
I napoletani usano il gesto anche per definire il carattere di bambini particolarmente vivaci, precoci e furbi.
Un gesto così antico è al tempo stesso modernissimo, tanto da essere connaturato all’iconografia del rock.
Il primo ad utilizzare le corna su un palco, durante il concerto dei Balck Sabbath, e dunque in linea con i temi mistici ed esoterici del gruppo, fu Ronnie James Dio. Il musicista  dichiarò di aver appreso e imitato il gesto dalla nonna siciliana che lo utilizzava per allontanare il male. A partire da quel concerto del 1980 il gesto delle corna resta ad oggi, il più diffuso segno di riconoscimento tra i fans dell'heavy metal. 

Francesca Di Pascale



In foto: Ronnie James Dio

lunedì 23 giugno 2014

Sud e trasporti: ma non ce lo chiede l'Europa?!

È difficile arrivare al cuore del Sud Italia. Più scendi giù lungo lo stivale e più diventa complicato spostarsi, anche solo da un paese all'altro. Eppure la parola "infrastruttura" proietta automaticamente il pensiero a progetti grandiosi, mastodontici, alla Tav piuttosto che al ponte sullo stretto (e quanto è inflazionata questa parola!). La tv ha fatto credere agli italiani che sono tutti un po' più vicini e che il problema principale non sia arrivare da Roma a Reggio Calabria ma da Torino a Lione. I problemi si tende a considerarli risolti con grande facilità, un po' come quando per mesi, parlando con chi vive e respira lontano da Taranto, scoprivi quanto fossero convinti che i decreti salva Ilva avessero risolto il dramma della città. È la forza dei media, perché se di un problema smette di parlarne la tv viene considerato automaticamente risolto. O forse è solo l'estremo tentativo del cervello umano di autodifendersi dalla frustrazione.

Chi viaggia, però, gli occhi chiusi non può tenerli. Se vuoi da Taranto raggiungere la Calabria, o "puntare" il nord, il viaggio è troppo lungo per far finta di nulla. Non riesci più a bluffare con il tuo cervello. È quando tocchi con mano i problemi che non puoi più prendere in giro te stesso. Inizi a chiederti se nell'Italia delle frane, che scorre lungo il tuo finestrino, il più utile degli investimenti non possa essere nelle infrastrutture primarie, nelle strade, nelle ferrovie, negli aeroporti e nella messa in sicurezza del territorio. Che forse, prima di pensare a chi deve vincere le gare d'appalto per l'Expo di Milano, sia il caso di trovare un impiegato che tenga aperta la stazione ferroviaria di Crotone. È la più "tecnologica" del mondo, nel senso che esiste solo una macchinetta self service che stampa i biglietti (e che spesso è rotta...).

Vignetta di Salvatore Andrea Impagliazzo
Vignetta di Salvatore Andrea Impagliazzo

L'Italia che corre a due velocità lo fa anche sulle rotaie e la logica manageriale, forse la più corretta da un punto di vista economico, accentua ogni giorno di più le differenze. Al sud puoi trovare ancora treni alimentati a gasolio; in Calabria può capitarti di pagare il biglietto per un intercity e ritrovarti a tutti gli effetti su un regionale (così però il servizio lo garantisce lo Stato, la Regione non avrebbe le risorse). Se deve essere potenziata una tratta in funzione del numero di passeggeri giornalieri, diventa inevitabile che chi usufruisce già di un servizio efficiente possa ottenerne uno ancora migliore; chi, invece, rinuncia al trasporto pubblico perché stanco di viaggi estenuanti, è destinato a vedere tagliate le tratte e chiuse le stazioni. Ma chi dovrebbe invertire questa tendenza? Chi dovrebbe limitare l'incidenza dell'economia in scelte che prima di tutto sono sociali e stregiche? Sicuramente la politica. Scegliere di far arrivare o meno la gente al sud non può essere deciso guardando solo i numeri. Se fosse così le istituzioni democratiche non servirebbero più, 4-5 economisti potrebbero da soli muovere i fili dell'intero Stato (sempre che non lo facciano già). Ed è incredibile che a ricordarlo all'Italia, seppure indirettamente, sia l'istituzione che per antonomasia viene additata come schiava degli economisti e nemica della politica: l'Europa.

C'è un passaggio nella "pagellina" consegnata da Bruxelles al Governo italiano che è passato inosservato ai più (chissà perché). Si è focalizzata l'attenzione esclusivamente sugli appunti relativi al debito e ai dati economici, importanti ma non esaustivi di tutto ciò che in realtà chiede l'Unione Europea. Nel documento, infatti, si fa riferimento anche ai trasporti e alle disuguaglianze nord-sud nonostante, nel complesso, gli investimenti a livello italiano risultino ancora considerevoli. Così si legge (tratto da Il fattoquotidiano.it, 2 giugno 2014): "ll settore presenta ancora importanti debolezze. La lunghezza della rete rapportata al numero di abitanti è tra le più basse dell’Unione mentre il tasso di utilizzo è tra i più alti. A dispetto di un tasso di investimento infrastrutturale sopra la media Ue, in alcune regioni – in particolare al Sud – rimangono colli di bottiglia. E la soddisfazione dei consumatori è tra le più basse dell’Unione”. Quando la politica abdica al proprio ruolo è l'economia a prendere il sopravvento ed il risultato è che si perde il controllo dello sviluppo, o del non sviluppo, di un intero Paese. Sono gli affari a decidere dove deve crescere un fiore e dove no, non più una strategia pianificata e l'Unione Europea ci ricorda che dovrebbe essere il contrario.

Eppure non è stato sempre così. Fu una scelta politica la realizzazione della Salerno-Reggio Calabria. Un progetto controverso che ha palesato tutte le contraddizioni di questa malandata Italia; un costo enorme e lavori, di fatto, ancora non conclusi. Qull'autostrada, però, con tutti i suoi limiti, è stata indispensabile per quella seppur minima crescita del sud. Pensate cosa sarebbe stato del meridione senza quell'importante opera; pensate alle conseguenze di un isolamento totale della Sicilia e della Calabria dal resto d'Italia. Nonostante i costi, nonostante tutto, nessuno di buon senso riterrebbe oggi che investire in una autostrada al sud sia stata una scelta sciagurata. Il problema è come lo si è fatto, non l'obiettivo finale. Eppure la SA-RC è stata frutto di una scelta politica tutt'altro che scontata e che andava contro chi tentava di imporre la legge dei numeri e della calcolatrice. Un territorio agricolo non ha bisogno di strade, diceva più di qualcuno. Un po' come chi oggi sostiene che un territorio con pochi passeggeri (ma con un potenziale straordinario se il servizio fosse decente) non ha bisogno dei treni.

Eppure pensate a quante maggiori risorse economiche sarebbero giunte a Taranto se, in occasione del concerto dell' 1 maggio, centinaia di persone che volevano raggiungere il capoluogo ionico non si fossero sentite rispondere che usare i mezzi pubblici sarebbe stata una impresa (tanto per fare un piccolo ma significativo esempio). La battaglia politica dei parlamentari del sud per realizzare la SA-RC, guidati dall'allora Ministro ai Lavori Pubblici Giacomo Mancini, ha permesso di unire il Paese. Oggi nessuno batte i pugni sui tavoli per salvare le tratte ferroviarie che di anno in anno vengono ridotte da e per il meridione. Eppure anche questo ci chiederebbe l'Europa.

Gianluca Coviello

lunedì 19 maggio 2014

"Ad esempio, Io resto a sud...ed il Sud riparte da Napoli"


“Ad esempio, Io resto a sud – Il rapporto tra economia e territorio attraverso acquisto e consumo consapevole”. 
Il tema racchiuso in questo titolo, a noi Briganti, è estremamente caro. Fin da quando, leggendo le considerazioni di Zitara in merito, abbiamo compreso l’importanza rivoluzionaria che i nostri consumi avrebbero potuto assumere se orientati “verso sud”, abbiamo intrapreso una vera e propria battaglia sul Comprasud in tutte le sue estensioni.
Perciò, proprio a questo tema, abbiamo dedicato il convegno di sabato 17 maggio all’Hotel Ramada di Napoli, con la espressa volontà di ribadire tutti i progressi fatti in quattro anni, di valutare tutto quanto è ancora necessario fare e di ascoltare alcuni tra i protagonisti principali della battaglia del Comprasud, ovvero, gli imprenditori.

All’impresa è stata dedicata la parte centrale del convegno con gli interventi di estremo interesse di Bruno Zarzaca che ha aperto un ristorante “Amico Bio Spartacus Arena” all’interno del complesso archeologico dell’Arena di Santa Maria Capua Vetere, di Giuseppe Sciretta di I-sud che ci ha illustrato il progetto innovativo www.i-sud.it che condivide con Nicola Cristhian Rinaldi, Dario Scalella che ci ha parlato dei suoi elicotteri biposto fatti a Napoli, Piero Meo autore dei progetti  Comprassieme e Checksud. Tutti, pur trasmettendo grande passione per il proprio lavoro e per la propria terra hanno evidenziato le difficoltà che è necessario superare quotidianamente per “fare impresa da sud”. Sullo stesso aspetto si è incentrato l’intervento di Diego Giovinazzo, segretario generale di Confimpresa Campania, partner dell’evento assieme ad I-sud, che ci ha spiegato come rompere i vincoli che ci impediscono di intraprendete.

Alla lettura dei graditissimi saluti di Francesco Tassone ai convenuti, segue l'intervento di Marco Esposito, segretario di Unione Mediterranea. Il giornalista ha sottolineato il fatto che noi stiamo compiendo una rivoluzione che si concretizza nella nostra possibilità di scelta che possiamo utilizzare quando compriamo un prodotto e quando eleggiamo chi deve rappresentarci. Nando Dicè, presidente di Insorgenza Civile, ha compiuto un parallelismo tra il Comprasud ed il disastro ambientale deIl’llva di Taranto, invitandoci ad essere costantemente “arrabbiati” perché il sistema Italia, l’Impresa Italia, è creata contro di noi.
Di estremo interesse, il contributo di Antonio Di Gennaro, agronomo che ci ha parlato della nostra agricoltura e della Terra dei fuochi, termine che, ha sottolineato, non dovrebbe più essere utilizzato. Di Gennaro ha affermato: "Noi produciamo un'agricoltura di qualità che vendiamo all'estero e che vendiamo bene. Nel tranello della verdura avvelenata siamo caduti soprattutto noi. I campionamenti fatti a tappeto non hanno rilevato una sola partita fuori norma. COOP compra qui le fragole e le porta in Germania e non può sbagliare. Eppure in tv passo un messaggio negativo sui nostri prodotti che sono, invece, i migliori al mondo"

Un piccolo momento ludico ci è stato offerto dal musicista Pietro De Luca Bossa che ci ha presentato il suo ultimo lavoro dal titolo “Sovversione Irrimediabile” in cui cita alcune frasi celebri di Carmine Crocco.
Un “fuori programma” molto apprezzato, è stato l’intervento di Mauro Squillante, mandolinista nonché socio dell'associazione Briganti, che ci ha raccontato del suo atto di amore verso la nostra terra e la nostra cultura: riportare in vita l'uso e lo studio del mandolino napoletano, l'unico strumento che accanto al nome ha l'indicazione della provenienza. Grazie al suo costante impegno, il mandolino divenuto uno strumento desueto è tornato a diffondere il suo incantevole suono in tante scuole di musica sparse nel nostro sud.

I lavori del convegno si sono conclusi con i saluti di Vittorio Terracciano di Confimpresa Campania, anche lui socio dell’associazione Briganti, agli intervenuti.

I convenuti hanno avuto la possibilità di gustare i taralli artigianali gentilmente offerti dall’azienda “Il Tarallificio del Pozzo” di Rocchetta Sant’Antonio (FG) avviata da due ragazzi che hanno deciso di lasciare il nord per fare impresa nella propria terra, di acquistare le originalissime t-shirt identitarie di Napoli Tà-Ttà che fa cultura del territorio, di assaggiare il vino e l’olio biologico dell’azienda Chimenti di Sannicardo (BA), di nutrirsi di cultura presso lo stand di Editore Mediterraneo.

Il convegno ci ha arricchiti molto in termini di conoscenza e di esperienza, con i suoi  oltre 100 partecipanti e i 760 contatti streaming, tuttavia, il momento che maggiormente abbiamo fatto nostro e che ci ha nutriti di più dal punto di vista umano è stato l’assemblea dell’associazione Briganti che si è tenuta al mattino. Abbiamo avuto modo di conoscere una piccola rappresentanza dei nostri associati con i quali ci siamo confrontati sulle attività svolte e con i quali abbiamo valutato le iniziative future. I soci ci hanno offerto il loro patrimonio di esperienze di vita spesso vissuta lontano dalla propria terra e ci hanno invogliato con il loro entusiasmo e la loro fiducia ad andare avanti e a crescere in numero per essere sempre più incisivi nella tutela dei nostri territori. A ciascuno di loro va il nostro più sentito ringraziamento e l’assicurazione che quello di sabato 17 a Napoli, è stato solo il primo di una lunga serie di incontri che ci vedranno coinvolti assieme a accomunati dalla passione per la nostra terra.

Briganti 
Associazione Briganti

venerdì 11 aprile 2014

COLONIA INTERNA



"Ogni colonia basa il suo perdurare sull'esistenza
di una broghesia in loco, che rappresenta il tramite
con la metropoli colonialista"
Nicola Zitara

sabato 15 marzo 2014

BIBLIOGRAFIA SULLA VERA STORIA DEL RISORGIMENTO


in continuo aggiornamento.....

* "Il brigantaggio politico del Mezzogiorno d'Italia (1815-1818"
Antonio Lucarelli, Milano, Longanesi, 1982
* "Il brigantaggio politico delle Puglie dopo il 1860 - Il sergente Romano"
Antonio Lucarelli, Milano, Longanesi, 1982
* "Carmine Crocco Donatelli. Un Brigante guerrigliero"
Antonio De Leo Antonio, Cosenza, Luigi Pellegrini Editore, 1983
* "Briganti e senatori"
Alberico Bojano, Napoli, Alfredo Guida Editore, 1997.
* "Briganti e piemontesi: alle origini della questione meridionale"
Aldo De Jaco, Rocco Curto Editore, 1998
* "A sud del Risorgimento"
Antonio Boccia, Napoli, Tandem, 1998
* "La Sicilia e il brigantaggio"
Luigi Capuana, Carlo Ruta (a cura di) Messina, Edi.bi.si., 2005
* "Dopo Teano: Storie d'amore e di briganti"
Aldo De Jaco, Lacaita, 2001
* "Il brigantaggio meridionale: cronaca inedita dell'Unità d'Italia"
Aldo De Jaco, Editori Riuniti, 1969
* "La chiamarono Unità d'Italia..."
Antonio Grano, Napoli, 2009
* "Il brigante Secola. La sanguinosa rivolta nel Fortore post-unitari"
Antonio Bianco, Benevento, Il Chiostro, 2011
* "I panni sporchi dei Mille"
Angela Pellicciari,(Liberal Edizioni)
* "I Savoia e il massacro del Sud"
Antonio Ciano, Grandmelò
* "Due Sicilie, 1830 – 1880"
Antonio Pagano – Capone, 2002
* "La conquista del Sud: Il Risorgimento nell'Italia Meridionale"
Carlo Alianello, Milano, Edilio Rusconi, 1994
* "Controstoria dell'Unità d'Italia, ribellione popolare e repressione militare 1860-1865"
Carlo Coppola, Lecce, MCE Editore 2003
* "Il Mezzogiorno e l'unità d'Italia"
Carlo Scarfoglio, Parenti Firenze
* "Il Brigantaggio nel Salento"
Carlo Coppola, Matino, Tipografie S. Giorgio, 2005
* "Storia d'Italia"
Denis Mack Smith, Roma-Bari, Giuseppe Laterza e figli, 2000
* "Il potere di punire e perdonare. Banditismo e politiche criminali nel Regno di Napoli in età moderna"
Francesco Gaudioso, Galatina, Congedo, 2006
* "Eroi e briganti"
Francesco Saverio Nitti, Milano, Longanesi, 1946
* "La stangata"
Francesco Del Vecchio (2001) Ed. Libellula
* "I Lager dei Savoia"
Fulvio Izzo (1999), Ed. Controcorrente
* "Regno delle Due Sicilie- tutta la verita"
Gustavo Rinaldi
* "Il sangue del Sud. Antistoria del Risorgimento e del brigantaggio"
Giordano Bruno Guerri
* "Brigantaggio, proprietari e contadini nel Sud (1799-1900)"
Gaetano Cingari, Reggio Calabria, Editori Riuniti 1976
* "Garibaldi,l'avventuriero, il massone, l'opportunista"
Gustavo Rinaldi, ed. Controcorrente
* "Il Brigantaggio dal 1860 al 1865"
Giuseppe Bourelly, Venosa, Osanna, 1987
* "La bugia risorgimentale. Il Risorgimento italiano dalla parte degli sconfitti"
Gerlando Lentini
* "1860 - La stangata"
* "1861 Pontelandolfo e Casalduni. Un massacro dimenticato"
Gigi Di Fiore – Grimaldi & C. ed. 1998
* "I vinti del Risorgimento. Storia e storie di chi combatté per i Borbone di Napoli"
Gigi Di Fiore
* "Gli ultimi giorni di Gaeta. L'assedio che condannò l'Italia all'Unità"
Gigi Di Fiore
* "Controstoria dell'Unità d'Italia. Fatti e misfatti del Risorgimento"
Gigi Di Fiore, Ed. Rizzoli
* "Indietro Savoia! Storia controcorrente del Risorgimento italiano"
Lorenzo Del Boca, Ed. Piemme
* "Maledetti Savoia"
Lorenzo Del Boca, Ed. Piemme
* "Donne contro: le brigantesse streghe dell’Appennino"
Maria Procino, in «SLM- Sopra il livello del mare» Rivista dell’Istituto Nazionale della montagna, n. 28, 2006
* "L'unità truffaldina"
Nicola Zitara, liberamente scaricabile in formato HTML o RTF
* "Il Sud e l'unità d'Italia"
Giuseppe Ressa e Alfonso Grasso, (e-book)
* "La Storia Proibita -Quando i Piemontesi invasero il Sud-"
vari autori, Ed. Controcorrente, Napoli 2001
* "L'Unità d'Italia: nascita di una colonia"
Nicola Zitara
* "Tutta l'ègalitè"
Nicola Zitara, estratto dalla rivista Separatismo
* "Memorie di quand'ero italiano"
Nicola Zitara
* "Negare la negazione"
Nicola Zitara
* "L'invenzione del Mezzogiorno"
Nicola Zitara,
* "Contro la questione meridionale"
Carlo Capecelatro, Savelli, Roma
* "L'unità d'Italia: guerra contadina e nascita del sottosviluppo del Sud"
M. R. Cutrufelli, , Bertani Editore, Verona
* "Don Josè Borges, generale catalano e guerrigliero borbonico, Diario di guerra"
Josè Borjes, Valentino Romano (a cura di) Bari, Adda, 2003
* "Mezzogiorno, emigrazione di massa e sottosviluppo"
Mario Iaquinta, Luigi Pellegrini Editore, 2002
* "Terroni"
Pino Aprile, Piemme 2010
* "Brigantesse. Donne guerrigliere contro la conquista del Sud"
Valentino Romano, Napoli, Crontrocorrente, 2007
* "Il Brigantaggio da Fra’ Diavolo a Crocco"
Marc Monnier, Lecce, Capone
* "Briganti e musica popolare dal nord al Sud"
Pierluigi Moschitti, Gaeta, Sistema Bibliotecario Sud Pontino
* "Il "brigantaggio" politico nella Marca pontificia ascolana dal 1798 al 1865"
Timoteo Galanti, Sant'Atto di Teramo, Edigrafital, 1990
* "Stefano Pelloni detto il passatore: cronache popolari"
Massimo Dursi, Giulio Einaudi Editore, 1963
* "Storia del brigantaggio dopo l’Unità"
Franco Molfese, Giangiacomo Feltrinelli Editore, 1966
* "Brigantaggio e Risorgimento - Legittimisti e Briganti tra i Borbone e i Savoia"
Giovanni De Matteo, Napoli, Alfredo Guida Editore, 2000
* "Il brigantaggio politico nel brindisino dopo l'Unità"
Vincenzo Carella, Fasano, Grafischena, 1974
* "Il rovescio della medaglia: storia inedita del brigante Stefano Pelloni detto il Passatore"
Leonida Costa, , Fratelli Lega, 1976
* "Cronache del Brigantaggio Meridionale (1806-1815)"
Francesco Barra, Salerno, S.E.M., 1981
* "I fuochi del Basento"
Raffaele Nigro, Milano, Camunia, 1987
* "Carmine Donatelli Crocco, La mia vita da brigante"
Valentino Romano (a cura di) Bari, Adda, 2005
* "Carmine Donatelli Crocco,Come divenni brigante"
Mario Proto (a cura di) - Autobiografia, Manduria, Lacaita, 1995
* "Una storia siciliana fra Ottocento e novecento. Lotte politiche e sociali, brigantaggio e mafia, clero e massoneria a Barrafranca e dintorni"
Salvatore Vaiana, Barrafranca, Salvo Bonfirraro editore, 2000
* "Briganti, arrendetevi!: Ricordi di un antico bersagliere"
Ferdinando Mirizzi, Venosa, Osanna, 1996
* "Brigantaggio, repressione e pentitismo nel Mezzogiorno preunitario"
Francesco Gaudioso,Galatina, Congedo, 2002
* "Calabria ribelle. Brigantaggio e sistemi repressivi nel Cosentino (1860-1870)"
Francesco Gaudioso, Milano, FrancoAngeli, 1996
* "Il banditismo nel Mezzogiorno moderno tra punizione e perdono"
Francesco Gaudioso, Galatina, Congedo Editore, 2001
* "Dossier Brigantaggio. Viaggio tra i ribelli al borghesismo e alla modernità"
Francesco Mario Agnoli, Napoli, Controcorrente, 2003
* "La Capitanata fra briganti e piemontesi"
Giovanni Saitto, Edizioni del Poggio, 2001
* "La repressione del brigantaggio a Canicattì e dintorni da Francesco Bonanno a Cesare Mori"
Salvatore Vaiana, pubblicato in "Canicattì nuova", Canicattì, 2002.
* "Josè Borjes,La mia vita tra i Briganti"
Tommaso Pedio (a cura di), Manduria, Lacaita
* "Con Dio e per il Re. Diario di guerra del generale legittimista"
Josè Borjes, Napoli, Controcorrente, 2005
* "La guerra cafona: Il brigantaggio meridionale contro la Stato unitario"
Salvatore Scarpino, Milano, Boroli Editore, 2005
* "Giustiziateli sul campo. Letteratura e banditismo da Robin Hood ai giorni nostri"
Raffaele Nigro, Milano, Rizzoli Editore, 2006
* "Il Regno perduto"
Antonio Ballarati, Napoli, Edizioni Iuppiter, 2012
* " Dieci anni di storia nascosta"  Michele Bisceglie, Falco Editore, 2011
* "Napoli sfregiata. Frammenti di vita e di strada 1860-1864" Luigi Iros, Tullio Pironti Editore, 2011




domenica 9 marzo 2014

Uno, nessuno e centomila

Costruirono per noi un’identità da inetti, inadeguati, reietti; facendoci credere, per troppo tempo, di essere ciò che non siamo. Ma questa identità c’è stata sempre stretta, sempre sul punto di entrare in crisi: una crisi di identità, che, finalmente, è scoppiata, una crisi di identità che genera consapevolezza.

Essere Briganti è un modo di sentire, di vivere la vita, di vedere il Mondo. È qualcosa che ti scorre nelle vene, che ti attraversa l'anima, che forgia la tua identità, che ti riempie d’orgoglio e senso d'appartenenza. Essere Briganti è radicazione, passione, amore. Essere Briganti è voglia di riscatto per una Terra, che fu crogiolo di popoli e diversità, e per le sue genti, eredi di una cultura millenaria.

Essere Briganti è un privilegio, un onore e una responsabilità.


io l'8 tutti i giorni!

Generose come la nostra terra.
Profonde come i nostri mari.
Fiere come le nostre montagne.
Siate rispettose, ma pretendete
altrettanto.
Siate forti, vive, coraggiose,
orgogliose.
Non smettete mai di credere in
ciò che desiderate, in cui credete.
Non permettete mai che
nessuno decida al posto vostro,
che prevalichi le vostre idee e le
vostre convinzioni, i vostri sogni.
Siate libere. Siete Brigantesse.
Io L'8 tutti i giorni!

Daniela Alemanno


















Oggi un pensiero a tutte le donne uccise dalla bestia mafiosa



















Per buona parte del '900 la coltivazione del tabacco fu fonte di ricchezza e sostentamento per tante famiglie di contadini del Salento. Oggi non ce n’è quasi più traccia. L’ultima fabbrica, la Manifattura Tabacchi di Lecce, ha chiuso il 1 gennaio del 2011. Nella prima metà del secolo scorso – e anche oltre – il lavoro era in gran parte manuale e per la foglia del tabacco c’era bisogno di mani esperte, veloci, abili e fini, come quelle delle donne e dei bambini. Tanto più che le donne e i bambini potevano essere pagati molto di meno e sfruttati molto di più degli uomini…
"Tabacchine”, le lavoratrici del tabacco, una categoria molto sfruttata ma per ciò stesso anche molto attiva e combattiva. Fin dal 1925, all’inizio dell’era fascista, si ha già notizia di una manifestazione delle tabacchine a Trepuzzi, dove un corteo di 500 operaie sfilò per il paese protestando. A Tricase il 25 maggio del 1935 una manifestazione di lavoratori del tabacco venne repressa nel sangue (cinque morti, tre donne e due uomini) dai fascisti e dalla forza pubblica. A Lecce, nel 1944, con il paese ed il mondo ancora in guerra, le tabacchine di nuovo scesero in piazza contro il caporalato, per rivendicare salari sufficienti per vivere, per il rinnovo e l’applicazione dei contratti nazionali e per sussidio di disoccupazione: la polizia sparò e tre tabacchine rimasero uccise. Si aprì allora una stagione di lotte molto lunga che culminò nello sciopero generale del 1961 che ebbe come epicentro il paese di Tiggiano, in provincia di Lecce.

Fonte : www.antiwarsongs.org
















Donne derise, oltraggiate, disprezzate,
incarcerate, massacrate, dimenticate.
Donne che hanno imbracciato il fucile,
donne che hanno condiviso la vita della macchia,
donne che hanno nascosto e aiutato i loro uomini.
Donne del Sud che hanno scritto
una pagina proibita di storia.
Spose, madri, sorelle, amanti:
donne meridionali, donne dei briganti,
guerrigliere.
BRIGANTESSE

(Valentino Romano)